ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA: “LA CRISI DEI TEATRI SCARICATA SULLE MAESTRANZE”

15/06/2016 – SLC CGIL ANCONA SU ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA: “LA CRISI DEI TEATRI SCARICATA SULLE MAESTRANZE”. PREOCCUPAZIONE PER ATTIVITA’ LIRICHE DELLE MARCHE.

La segreteria della SLC CGIL di Ancona, venuta a conoscenza delle difficoltà dei lavoratori dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana in merito alla decisione dei teatri di Ancona e Jesi di non affidare loro le produzioni musicali delle prossime stagioni liriche, esprime la massima solidarietà a tutti i componenti la compagine orchestrale. Nel contempo, il sindacato denuncia all’opinione pubblica ed agli enti locali di ogni livello, la propria preoccupazione per il futuro delle attività liriche nelle Marche. 

L’estromissione della Filarmonica mette in luce le grandi difficoltà che tutto il comparto vive quotidianamente e ne aggrava la già precaria situazione. 

La SLC CGIL depreca il tentativo, per ora riuscito, di dumping sociale, con offerte al massimo ribasso relative al costo del lavoro, ai danni dell’orchestra e dei suoi lavoratori, e esprime la propria contrarietà a tale pratica, perché lesiva dei valori di professionalità da sempre dimostrati ed apprezzati dai suoi musicisti e della loro dignità. 

La SLC CGIL sostiene l’appello del presidente della FORM, Renato Pasqualetti, affinché tale situazione sia affrontata nelle sedi regionali, attraverso la collaborazione di tutte le forze interessate, politiche, aziendali e sindacali, nella convinzione che un tavolo di discussione su tali materie sia ormai indispensabile per il bene di tutta la musica nella nostra regione. 

Ancona, 15 giugno 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *