LAVORATORI E LAVORATRICI CON CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE: SOSTEGNO AL REDDITO

I lavoratori e le lavoratrici con contratti di somministrazione (attivi o cessati) hanno diritto, previa la presenza di determinati requisiti, a ricevere delle prestazioni di varia natura, erogate dagli enti della bilateralità Ebitemp e Forma.temp e di seguito indicate.

Per avere maggiori informazioni e per presentare le richieste, contattaci a questi recapiti:

tel: 342/7467037

mail: e.marchetti@marche.cgil.it

 

A chi si rivolge:

Il sostegno al reddito (SaR) è un contributo una tantum erogato da Forma.temp a cui hanno diritto tutti i lavoratori e tutte le lavoratrici precedentemente assunti con uno o più contratti in somministrazione a tempo determinato o indeterminato, anche in apprendistato, a condizione che abbiano svolto almeno 90 giornate di lavoro in somministrazione nell’arco dei 12 mesi precedenti all’ultimo giorno effettivo di lavoro.

Il Sostegno al reddito può essere erogato solo in caso di disoccupazione involontaria, pertanto non può essere concesso in caso di dimissioni senza giusta causa.

Le giornate di maternità/infortunio/malattia intervenute durante l’esecuzione del contratto NON sono conteggiate ai fini dell’anzianità lavorativa necessaria al riconoscimento della prestazione.

Presentazione richiesta:

La richiesta per l’ottenimento del sostegno deve essere presentata TASSATIVAMENTE tra il 46° e il 113° giorno successivo all’ultimo giorno di lavoro.

Importo della prestazione:

  • 780 € lordi per lavoratori e lavoratrici che hanno svolto almeno 90 giorni di lavoro con contratto di somministrazione nell’arco dei 12 mesi precedenti all’ultimo giorno effettivo di lavoro.
  • 1.000 € lordi per i lavoratori e lavoratrici che hanno svolto almeno 110 giorni di lavoro con contratto di somministrazione nell’arco dei 12 mesi precedenti all’ultimo giorno effettivo di lavoro.

Documenti necessari:

  1. Documento d’Identità in corso di validità (Carta d’Identità o Passaporto).
  2. Codice Fiscale o tessera sanitaria.
  3. Buste paga a conferma delle giornate svolte in somministrazione (Obbligatoria tra le buste paga quella di cessazione).
  4. Certificato Storico Anagrafico emesso dopo 45 giorni di disoccupazione da richiedere al Centro per l’Impiego di domicilio del beneficiario. In caso di difficoltà nel reperimento del Certificato Storico Anagrafico è possibile presentare; in alternativa, l’Estratto Conto Previdenziale rilasciato dall’INPS che deve attestare i 45 giorni di disoccupazione, quindi deve essere emesso dopo 45 giorni di disoccupazione.
  5. Documento rilasciato dalla banca riportante le coordinate bancarie del richiedente (stampabile anche online). Oppure il Modello INPS SR163.
  6. Documentazione attestante eventuali giornate/periodi di malattia, maternità e infortunio durante il periodo di lavoro in somministrazione considerato ai fini dell’anzianità lavorativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *