LA CGIL DI OSIMO COMPIE 102 ANNI

30/05/2022 – La Camera del lavoro di Osimo oggi protagonista di una giornata dedicata alla celebrazione del Centoduesimo della sua fondazione,  che si è svolta,  a partire dalle ore 9.30, presso il  Teatro La Nuova Fenice di Osimo.

Cento anni di lotte  per l’affermazione  dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori; una storia fatta di idee, di valori, di uomini e donne molto spesso sconosciuti ai libri di storia, ma che per la conquista di  quei diritti hanno compiuto grandi sacrifici.

Una ricorrenza importante, dunque, da celebrare per poter ripercorrere le lotte del movimento operaio e contadino della zona sud di Ancona che tanto  hanno contribuito allo sviluppo sociale ed economico di Osimo e delle zone limitrofe.

Ultima, in ordine cronologico ad essere costituita nella provincia di Ancona,la Camera del lavoro di Osimo nasce il 19 maggio 1920, come unità organizzativa e politica, dall’incontro delle Leghe dei lavoratori di varie categorie e di diversi orientamenti politici e dalla loro  necessità  di  avere sul territorio un punto di riferimento e un luogo d’ incontro stabile e stanziale.

E’ per dare risposte adeguate alle lavoratrici e ai lavoratori del territorio osimano che  il 18 maggio del 1920 l”Assemblea Generale delle Leghe di Resistenza Osimane sottoscrive l’atto costitututivo della nuova Camera del Lavoro che vedrà eletto  come primo segretario Mario Ambrogetti, già responsabile della Lega dei braccianti.

Di li in avanti sono tanti i  Segretari che si sono succeduti, prima e dopo il periodo fascista, nella guida della Camera del Lavoro osimana tra i quali, alla fine degli anni 50, spicca la figura di Guido Maggiori, punto di riferimento delle  lotte mezzadrili, partigiano e consigliere comunale e tra i fondatori del Partito comunista a Osimo.

La ricorrenza celebrata oggi, dopo due anni di pandemia che, purtroppo, hanno impedito di farlo allo scoccare dei 100 anni, è carica dei ricordi delle battaglie e delle vicende che i protagonisti, nel corso degli anni e ricoprendo diversi ruoli e funzioni, hanno vissuto.

Questi 100 anni  dimostrano  che il ruolo della CGIL e delle Camere del Lavoro, come presidi di democrazia, è stato ed è ancora oggi fondamentale  per il mantenimento e lo sviluppo del sistema democratico nel nostro Paese.

Le celebrazioni  per il centenario sono state l’occasione per raccontare, soprattutto alle nuove generazioni, la nostra storia  ripercorrendo  gli avvenimenti, le trasformazioni sociali, economiche e culturali  del  territorio osimano sin dalla  fondazione della Camera del lavoro e, al tempo stesso, per far conoscere l’attività della Camera del Lavoro Territoriale come luogo di accoglienza e di ascolto dei bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori.

L’iniziativa, presieduta da Marco Bastianelli, segretario generale della CGIL di Ancona, e patrocinata dal Comune di Osimo, è stata introdotta  da  Tiziana Mosca , responsabile della CGIL di Osimo.

Sono seguti la presentazione del libro “La Rivoluzione di Giugno” di Armando e Niccolò Duranti, l’intervento di Roberto Giulianelli, dell’Istituto Regionale per la Storia del movimento di liberazione  nelle Marche, e la rappresentazione dello spettacolo teatrale dedicato a Giuseppe Di Vittorio “Nato senza camicia” di e con Carlo Albè e Anthony Valentino.

Dopo alcune testimonianze di funzionari e delegati, Giuseppe Santarelli, segretario generale Cgil Marche, ha concluso i lavori.

Infine,  sono state consegnate le medaglie del centenario a militanti e dirigenti che hanno fatto la storia della Cgil di Osimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *